Croce Rossa Italiana - Comitato di Arezzo

NUMERO VERDE
800.166.666
I.F.R.C.
Member

Il Comitato di Arezzo operativo nell'emergenza del Centro Italia

La Sala Operativa Provinciale presso il Comitato di Arezzo ha ricevuto lo stato di Allarme diramato a tutte le Strutture CRI, sia dalla Sala Operativa Nazionale CRI su richiesta del DPC, sia dalla Sala Operativa Regionale CRI di Firenze per la mobilitazione della Colonna Mobile di protezione civile della Regione Toscana, cui tutti i Comitati della Regione concorrono alla composizione con proprie risorse sia umane che logistiche.


Alle ore 04.00 del 19 gennaio una prima squadra composta da 2 autisti mezzi speciali e movimento terra del Comitato di Arezzo e 2 volontari OpEm del Comitato di Bibbiena attrezzati con fuoristrada pick-up e turbina per neve semovente manuale (autonomi per 72 hh), sono partiti su richiesta della SOR Toscana, alla volta di Muccia (Macerata) al seguito di altre squadre CRI della regione e le altre organizzazioni della Colonna mobile regionale. E' stato allestito il Campo Base presso Muccia, sono stati effettuati interventi nel Comune stesso e Comuni limitrofi quali Pievebovigliana (dove fra l'altro è presente il Campo CRI Nazionale) e Fiordimonte, con l'obiettivo di liberare i borghi da quasi 2 metri di neve al suolo e raggiungere i paesi dove risultano esserci ancora oggi famiglie isolate.


Nella serata di sabato 21, sono arrivati al campo altri 3 volontari del Comitato di Arezzo e 2 di Bibbiena che resteranno operativi fino a martedì, per dare il cambio agli operatori partiti giovedì.

Alle ore 21 di venerdì 20/01 nr. 3 operatori SMTS (soccorsi con mezzi e tecniche speciali) sono partiti per Giulianova (Te) a supporto delle squadre e del Comitato CRI del luogo, con fuoristrada 4x4 con allestimento ambulanza, dotati di attrezzature invernali quali sci e ciaspole.

Fin dalle prime ore di sabato 21 sono stati impiegati nei Comuni di Giulianova e Civitella del Tronto per raggiungere e, in alcuni casi, evacuare abitanti di borghi ancora isolati, portando assistenza sanitaria, medicine, bombole per ossigeno-terapia e generi alimentari, percorrendo anche molti chilometri a piedi o con ciaspole e zaini sulle spalle.


Attualmente sono in totale 11 operatori CRI della provincia di Arezzo impegnati nelle attività di emergenza che sta colpendo il centro Italia. In particolare dal Comitato del Capoluogo vi sono 3 automezzi nelle zone colpite, 2 coordinatori in turni presso la Sala Operativa Regionale di Firenze.

L'impegno proseguirà fino al termine della mobilitazione della Colonna mobile di Regione Toscana e comunque finchè non saranno ristabilite le condizioni di normalità, almeno per quanto riguarda la viabilità e le comunicazioni.

Proseguirà a lungo invece l'impiego di personale presso i Campi di assistenza che sono ancora operativi dopo le scosse del 24 agosto e 30 ottobre, allestiti da CRI Nazionale in molti Comuni del Centro quali Pievebovigliana, Camerino, Sarnano e Visso: qui i Volontari CRI si sono avvicendati ogni settimana da inizio emergenza per garantire le attività logistiche e di assistenza alla popolazione sfollata. Proprio al Campo di Pievebovigliana, dove è allestita la mensa e cucina mobile della CRI Toscana, è ancora operativa la Ludoteca d'Emergenza del Comitato di Arezzo, una struttura composta da 3 tende pneumatiche e riscaldata, completa di tutte le dotazioni per le attività ludico-ricreative, a favore dei molti bambini della comunità locale.
 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

Copyright © 2018 All Rights Reserved - Associazione della Croce Rossa Italiana Comitato di Arezzo - Viale Sanzio Raffaello, snc - 52100 Arezzo - Tel. 0575 24 398- P. IVA: 02174760518 - C.F. 92079070519